HOME

     
 
 
  • Profili d’onda
     
     Profili d’onda (2007), per vibrafono preparato ed elettronica su supporto (sound file digitale). Il titolo della composizione riferisce della relazione stabilita nel brano con l’andamento definito e simmetrico delle più comuni forme d’onda sonora: l’onda sinusoidale (Sine wave), la quadra (Square), triangolare (Triangle), dente di sega (Sawtooth). La rappresentazione grafica delle quattro forme d’onda è utilizzata per costruire il profilo della dinamica nelle tre parti principali, i tre pannelli grafici della composizione. Prima esecuzione Internationale Gesellschaft Für Neue Musik-Basel (IGNM) ‘Dialogpartner Xenakis’, Basel (CH), 22 Maggio 2007 Domenico Carlo Melchiorre, vibrafono http://www.francescoparadiso.com/profili-donda_pdf.html
  • PIETRO BRANCHINA, CAPRICCIO PER ORGANO A UNO O A DUE MANUALI OP.168
     
     Pietro Branchina, Capriccio per organo ad uno o a due manuali op. 168 a cura di Francesco Maria Paradiso Pietro Branchina 'è un bravo musicista che si esprime bene, e capisce bene quello che scrive e come lo scrive'. L'espressione attribuita a Don Lorenzo Perosi descrive con esattezza i tratti essenziali di Don Pietro Branchina, compositore attivo nel panorama [...] http://www.francescoparadiso.com/pietro-branchina-capriccio-per-organo-ad-uno-o-a-due-manuali-op-168.html
  • Forme d’intensità
     
     Forme d’intensità (2007), per fl., cl.sib/cl. basso, vib., gong, sixen e perc. di metallo, vn. L'ampiezza [o intensità] con tempo e frequenza è uno dei parametri di base con cui è possibile una completa descrizione [anche se non l'unico 'metodo' concepibile] del comportamento di un suono. Si tratta di una convenzione. E ad esempio, mentre il tempo condiziona le intensità, le intensità possono anche influenzare la percezione del tempo e ciò nel tentativo [logico] di tramutarle in forme. Prima esecuzione Internationale Gesellschaft für Neue Musik (IGNM) - Basel (CH) Sala Gare du Nord Basel, 22 Maggio 2007 Ensemble Laboratorium http://www.francescoparadiso.com/forme-di-intensita.html
  • Profili d’onda
     
     Profili d’onda (2007), per vibrafono preparato ed elettronica su supporto (sound file digitale). Il titolo della composizione riferisce della relazione stabilita nel brano con l’andamento definito e simmetrico delle più comuni forme d’onda sonora: l’onda sinusoidale (Sine wave), la quadra (Square), triangolare (Triangle), dente di sega (Sawtooth). La rappresentazione grafica delle quattro forme d’onda è utilizzata per costruire il profilo della dinamica nelle tre parti principali, i tre pannelli grafici della composizione. Prima esecuzione Internationale Gesellschaft Für Neue Musik-Basel (IGNM) ‘Dialogpartner Xenakis’, Basel (CH), 22 Maggio 2007 Domenico Carlo Melchiorre, vibrafono http://www.francescoparadiso.com/profili-d%e2%80%99onda.html
  • COMO CANCIÒN DE TIERRA Y MAR
     
     Como càncion de tierra y mar (2008), per clarinetto in sib/cl. basso, elettronica in tempo diretto (Live electronics), elettronica su supporto (sound file digitale) e sistema ambisonic di spazializzazione. È una composizione ispirata alla Ladàta: un originale testo musicale che appartiene al repertorio di canti tradizionali a più voci di Sicilia. Il lavoro è stato composto per la residenza di composizione all' Institute for Computer [...] Prima esecuzione X. Weimarer Frühjahrstage für zeitgenössiche Musik Weimar (D), 17 Aprile 2009 Lukas Vogelsang, clarinetto http://www.francescoparadiso.com/como-cancion-de-tierra-y-mar.html
  • SPAZIO VENEZIANO E ALBERO SONORO
     
     Spazio veneziano (work in progress), per Albero sonoro di metallo, voce, elettronica in tempo diretto (Live electronics) e tempo differito (Sound file digitale) su un testo inedito di Luigi Nono. Immersi, senza avvertire, in ‘stazioni sonore’, il pensiero di Luigi Nono provoca l’intenzione d’ascolto, indica l’intelligenza che è nel suono. La distesa di profili sonori costituisce una trama che è viva e che la sola volontà di ascolto è in grado di intuire, percepire ed accogliere.  http://www.francescoparadiso.com/spazio-veneziano-2009.html